SELETTIVA #2 AREA NORD – LOVOLO 01/02 Agosto

FMI CAMPIONATO ITALIANO MX JUNIOR 2020

Vittoria di giornata per Bonacorsi nella J.125. Rossi si aggiudica il titolo. A Gaspari la S.85 ma il campione è Busatto. Janout domina ancora la J.85 e chiude la fase selettiva a punteggio pieno. Alvisi si impone nella C.65 e il titolo finisce nella mani di Pini. Gara e titolo per Santeusanio nella D.65

COSI’ NEL YAMAHA Blu Cru CHALLENGE

vincono la speciale classifica Gimm J125, Perrone S85, Paine Diaz J85, Verderosa C65, Riganti D65

IL GRAN CALDO DI ALBETTONE NON FERMA I PILOTI DELLA JUNIOR

Ben 191 i piloti che hanno partecipato alla seconda selettiva area Nord, gara che ha segnato il ritorno sul palcoscenico nazionale dello spettacolare impianto di Lovolo, gestito alla perfezione dal locale Motoclub Albettone. Nella giornata di sabato le temperature roventi hanno messo a dura prova i piloti ma un provvidenziale temporale arrivato nella notte ha permesso di svolgere la giornata di domenica in condizioni pressoché perfette. Ben quindici i piloti provenienti dall’estero presenti a Lovolo che hanno ancora una volta confermato l’ottimo livello e competitività del campionato e dei suoi partecipanti.

Report Time

Andrea Rossi Vs Andrea Bonacorsi – cl 125

Gare spettacolari nella 125cc. che hanno visto una bella doppietta di Andrea Bonacorsi (Fantic).

Nella prima manche è stato Andrea Rossi (KTM) a centrare l’holeshot mentre alle sue spalle una caduta di gruppo in uscita di curva ha mietuto vittime illustri. Tra i piloti a terra ci sono anche Matteo Russi (KTM Pardi Royal Pat Scuola Cross) e Daniel Gimm (yamaha Junior Motor Sport). Rossi mantiene il comando per i primi dieci giri fino a quando non subisce l’attacco deciso di Bonacorsi che va a vincere. A fine gara Rossi viene retrocesso di dieci posizioni per sorpasso in regime di bandiere gialle e il secondo posto finisce nelle mani di Rocco Bertin (G.S. Fiamme Oro Milano – KTM) che precede Andrea Viano (O’Ragno 114 Torino Moto-Husqvarna) e Luca Ruffini (Iron 412-KTM).

Holeshot Pro Grip per Andrea Viano nella seconda manche ma Andrea Bonacorsi ha preso il comando delle operazioni nel corso del primo giro. Alla terza tornata anche Andrea Rossi si è liberato di Viano ed ha provato, senza riuscirci, a riprendere il battistrada. Ottima prestazione per Daniel Gimm (Junior Motosport-Yamaha) che dopo una partenza a ridosso dei primi dieci è riuscito a rimontare fino alla terza posizione finale. Giacomo Bosi (KTM) e Tommaso Sarasso (KTM) hanno chiuso la top five di gara 2.

Nell’assoluta di giornata Andrea Bonacorsi ha terminato in prima posizione seguito da Bertin e Rossi.

Andrea Rossi si è aggiudicato la vittoria nel campionato precedendo Daniel Gimm e Andrea Viano. Andrea Bonacorsi ha chiuso quarto con una sola gara disputata.

Come a Cremona, Daniel Gimm  si è confermato il migliore nell’YZ Yamaha bLU cRU Challenge.

Patrick Busatto – Vincitore 85 Senior

85 Senior – Classe combattuta e caratterizzata da un’importante presenza di piloti stranieri estremamente competitivi. Con il vincitore di Cremona Alberto Sanna costretto a fermarsi per un infortunio al ginocchio, ad ottenere la pole nelle qualifiche cronometrate del sabato è stato Patrick Busatto (TEAM GRT – MOTOR SPORT – KTM).

Il più veloce all’abbassarsi del cancello nel prima manche è stato Alessandro Gaspari (G.S. Fiamme Oro Milano-KTM) seguito da Mattia Barbieri (KTM). Questi due piloti hanno viaggiato indisturbati fino alla bandiera a scacchi mantenendo le prime due posizioni. Più movimentata la gara alle loro spalle che ha visto nei primi giri la velocissima Lotte Van Drunen (Cremona-KTM) installarsi al terzo posto. La forte olandese ha terminato quinta dopo aver subito la rimonta di Patrick Busatto e dello sloveno Jaka Peklaj (HSQV).

Nella seconda manche Lotte van Drunen sfrutta a suo favore una caduta alla prima curva e si aggiudica l’holeshot Pro Grip. Nel corso del primo giro però deve cedere la testa della gara a Alessandro Gaspari. L’alfiere della squadra junior Fiamme Oro sembra in grado di ripetere la prestazione di gara uno ma al secondo giro viene sfilato dall’ungherese Noel Zanocz (HSQV) che, una volta al comando, ha guidato sicuro fino alla bandiera a scacchi. Gaspari, probabilmente provato dal gran caldo, nelle tornate successive è stato superato anche da Jaka Peklaj e successivamente da Busatto. Piloti si sono giocati la piazza d’onore ma un Busatto scatenato che è riuscito a sopravanzare lo sloveno e a tentare anche la rimonta sul battistrada. Ancora una buona gara per Mattia Barbieri che ha chiuso quinto alle spalle di Gaspari e davanti alla sempre sorprendente  Lotte Van Drunen. 

Alessandro Gaspari ha vinto l’assoluta di giornata davanti a Busatto e Barbieri.

Con 770 punti guadagnati nelle quattro manche disputate, la vittoria della selettiva area nord è andata a Patrick Busatto che ha preceduto Alessandro Gaspari e Jaka Peklaj.

E’ stato Riccardo Perrone (Yamaha Lumezzane) a ottenere la prima posizione nell’YZ Yamaha bLU cRU Challenge.

Vaclav Janout – Vincitore 85 Junior

85 Junior – Nella prima manche Edoardo Martinelli (WSD SQUADRA CORSE – HSQV) sorprende tutti in partenza centrando l’holeshot. Alle sue spalle però si fa subito sotto il ceco del Cremona Vaclav Janout (KTM) che nel corso del secondo giro agguanta la testa e viaggia indisturbato fino al traguardo. Alle sue spalle Francesco Bellei (KTM) si libera subito di Martinelli, quarto al traguardo, e chiude in seconda posizione precedendo Filippo Mantovani (Lavetti Motosport-KTM). Buona rimonta per Nico Bertin (Fiamme Oro-KTM) che riesce a chiudere quinto dopo una partenza non brillantissima.

In gara due sono stati Janout e Mantovani i più veloci allo start ma è il ceco del Cremona a centrare l’holeshot Pro Grip. Mentre Janout tenta la fuga alle sue spalle Mantovani cade e si rialza fuori dalla top ten. Ne approfitta Martinelli che dopo un’altra ottima partenza si ritrova secondo. Alle spalle del lombardo però arriva velocissimo Bellei che lo attacca e prende la seconda posizione. Le prime tre posizioni rimarranno invariate fino al traguardo mentre per i piazzamenti di rincalzo a mettersi in luce sono stati lo sloveno Miha VRH (HSQV), il francese Kyliane Rocca (Cremona-KTM) e l’altro sloveno Simun Ivandic (HSQV) che hanno chiuso rispettivamente in quarta, quinta e sesta posizione.

Cesar Paine Diaz (Team Lacroce) si è aggiudicato l’YZ Yamaha bLU cRU Challenge.

Ricky Pini – Vincitore 65 Cadetti

65 Cadetti – Nella prima manche è stato Nicolò Alvisi (Fiamme Oro-KTM)a scattare al comando seguito da Dean Gregoire (Cremona-KTM) e David Cracco (KTM). L’olandese del Cremona ha studiato per alcuni giri il battistrada e, a circa metà gara, ha provato l’attacco. Alvisi ha risposto riprendendo il comando ma dopo un paio di tentativi è stato costretto a lasciare andare Gregoire ed a subire anche il sorpasso di un arrembante Cracco. Nel finale gli si è fatto sotto anche Ricky Pini (Iron412-KTM) ma è riuscito a difendere la terza piazza finale.

Nel secondo start una caduta di gruppo lascia subito nelle retrovie il vincitore di gara 1 Gregoire. Pini è bravissimo ad evitare i problemi e si aggiudica l’holeshot Pro Grip. Il dominatore di Cremona si ritrova al comando ma alle sue spalle si fa sotto Alvisi che al terzo giro rompe gli indugi e si porta in prima posizione e ci rimane fino al traguardo. Con le prime due posizione delineate, Val Slavec rimane a lungo al terzo posto ma nel finale viene ripreso da Cracco. 

Nicolò Alvisi ha ottenuto la vittoria di giornata davanti a David Cracco e a Dean Gregoire che, nonostante la caduta al via della seconda manche, è riuscito a rimontare fino al quinto posto.

La classifica finale di campionato ha visto imporsi Ricky Pini che ha preceduto Alvisi, secondo,  e Gregoire, terzo.

Anche a Lovolo Giorgio Verderosa si è aggiudicato l’YZ Yamaha bLU cRU Challenge della categoria Cadetti. 

Luis Santeusanio – Vincitore 65 Debuttanti

65 Debuttanti – 16 i piloti presenti alla seconda prova che già sabato sono stati impegnati nella disputa della prima manche. Francesco Assini (KTM) è scattato al comando seguito da Santeusanio, Riganti e Guerra. Al secondo passaggio Santeusanio si è liberato di Assini ed è passato al comando. Assini, probabilmente provato dal gran caldo, è stato costretto a cedere la seconda posizione a Riganti. Le prime tre posizioni non hanno subito scossoni fino al traguardo mentre Omar Guerra ha chiuso quarto davanti a Francesco Gaspani.

Meno combattuta la gara conclusiva con Santeusanio che ha centrato l’holeshot Pro Grip ed ha viaggiato in prima posizione fino all’arrivo. Alle sue spalle buon secondo posto per Riganti che ha preceduto ancora Assini. Kevin Cantù e Francesco Gaspani hanno chiuso la top five.

Grazie alla doppietta Luis Santeusanio si è aggiudicato la vittoria assoluta precedendo Riganti e Assini.

La classifica finale di campionato ha ricalcato l’assoluta di giornata con Santeusanio primo a punteggio pieno seguito da Riganti e Assini separati da sole dieci lunghezze.

Pietro Riganti (Yamaha Cairatese) ha ottenuto la vittoria nell’YZ Yamaha bLU cRU Challenge.

Archiviate le selettive delle aree Nord e Centro-Sud, l’appuntamento con la prima finale del Campionato Italiano Motocross Junior è fissato per il prossimo 22-23 agosto sullo spettacolare tracciato marchigiano di Esanatoglia.

Indossate correttamente le mascherine. Sempre.

Vi aspettiamo in pista!


RACE RESULT


CALENDARIO 2020


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.